banner 5_sabati_t

 

1 3 pastorelli

 

La pratica dei primi 5 sabati del mese nasce direttamente dal Cuore Immacolato di Maria, rivelatosi a Fatima come un Cuore di Madre che chiede riparazione per i tanti peccati che offendono il Cuore di Gesù ed il Suo.

 

2 madonna corona

 

 

Nella prima apparizione, avvenuta il 13 maggio 1917, la Madonna chiede ai tre pastorelli, Francesco, Giacinta e Lucia, la recita quotidiana del S.Rosario per ottenere la pace nel mondo e la fine della guerra.

 

 

3 app sluciaLa richiesta esplicita dei primi 5 sabati del mese avviene il 10 dicembre 1925 a Pontevedra, quando la Madonna apparendo a Suor Lucia così le rivela:

“Guarda, figlia mia, il mio Cuore coronato di spine che gli uomini ingrati a ogni momento Mi conficcano con bestemmie e ingratitudini. Tu, almeno, cerca di consolarmi, e dì che tutti quelli che per cinque mesi, nel primo sabato, si confesseranno ricevendo poi la Santa Comunione, diranno un rosario e Mi faranno 15 minuti di compagnia meditando sui 15 misteri del rosario, con l’intenzione di darmi sollievo, Io prometto di assisterli, nell’ora della morte, con tutte le grazie necessarie alla salvezza di queste anime”.

4 preghiera

Queste parole ci fanno rendere conto che ogni atto che compiamo non resta indifferente per Dio, ma anzi, un uso sbagliato della nostra libertà può essere causa di “dolore” al Suo Cuore. La Madonna fa richiesta esplicita di essere consolata. Solitamente si consola una persona cara, una persona che si conosce, quindi il primo invito che Lei ci fa è di conoscerla meglio, di approfondire questo rapporto di figliolanza che ci lega a Lei, solo così si può scoprire quanto sia Lei per prima a pregare per noi ed abbia a cuore la nostra salvezza. Il mezzo che indica a tal fine è la recita del S.Rosario, preghiera semplice e adatta a tutti che unisce la forma vocale a quella contemplativa. Nel S. Rosario, infatti, si contemplano i misteri della vita di Gesù e la Madonna ci aiuta a penetrarli e a meditarli con il Suo Cuore di Madre. Suor Lucia ebbe qualche difficoltà nel divulgare questa pratica, dato che esisteva già una pratica dei primi sabati del mese, ma erano 15 e non 5 e nell’apparizione del 15 febbraio 1926, Gesù le comunica che “molte anime cominciano i primi 15 sabati, ma poche li finiscono e quelle che li finiscono è col fine di ricevere le grazie che vi sono promesse, sono più gradite quelle che fanno i 5 con fervore e con il fine di consolare il Cuore della Mamma del Cielo, che non quelli che hanno fatto i 15 tiepidi ed indifferenti”.

Ancora una volta torna questa richiesta di consolare il Cuore Immacolato di Maria. Una consolazione che deve essere fatta con tutto l’amore di figli, senza aspettare di ricevere qualcosa in contraccambio, fare proprio il dolore di questa Madre che non è riconosciuta come tale dagli uomini. Quindi il primo atteggiamento da avere è di sentirsi realmente figli suoi, così da comportarsi come Ella desidera. 

5 confessioneUn’altra condizione che la Madonna richiede è la Confessione sacramentale. Suor Lucia constata la difficoltà di alcune anime a confessarsi il giorno di sabato, così nell’apparizione del 15 febbraio 1926 Nostro Signore la rassicura dicendole che quelle anime che non riescono ad accostarsi al Sacramento della Riconciliazione il primo sabato del mese o dimenticano di mettere l’ intenzione riparatrice, possono confessarsi entro otto giorni dal primo sabato e formulare,così, l’intenzione riparatrice.

6 cuore immacolato 2

 

Tali intenzioni vogliono riparare tutte le offese fatte alla Madonna, in particolare:

1. contro l’Immacolata Concezione

2. contro la Sua Verginità

3. contro la Maternità divina,rifiutando di riceverla come Madre degli uomini

4. quelli che cercano di infondere pubblicamente nel cuore dei bambini l’indifferenza, il disprezzo e perfino l’odio contro questa Madre Immacolata

5. quelli che l’oltraggiano direttamente nelle sue sacre immagini.

 

Nei tempi che 7 cuore immacolato 3stiamo vivendo la pratica dei primi 5 sabati del mese è più che mai necessaria, non solo perché viene direttamente da Dio, quindi è Lui che la desidera, ma anche perché c’è un grande bisogno di riparare i tanti e sempre più gravi peccati che si commettono.

In ogni nostra “Opera” dedicata proprio alla Madonna di Fatima questa pratica è molto viva e diffusa e tante anime tornano a Dio grazie ai primi 5 sabati del mese ed è proprio questo il miracolo più grande e importante: la conversione a Dio. Solo vivendo nella sua grazia si può pregustare già in terra parte di quella gioia piena che avremo in cielo.